Attività e Natura allo stato puro

SCIALPINISMO 15 04 2017 INATTESA SORPRESA

Oggi, quando ci siamo fermati alla fontana attrezzati di tutto, l’omino ci ha detto: “ma unni stati iennu cu sti sci?”. Ebbene, dal suo punto di vista non aveva tutti i torti dato che i tre quarti dei versanti dell’Etna si presentano completamente spogli di neve, ma la particolarità di questo fine stagione risiede nel contrasto che esiste tra uno spicchio di Vulcano ed il restante territorio e precisamente, è come esistesse un muro invisibile oltre il quale la neve prospera. Si potrebbe tracciare un confine invisibile che, dal M.te Pizzillo sale fino al cratere di NE e ridiscende più a Nord fino a M.te Scavo.
La neve ed il divertimento è per pochi, solo per chi ha il coraggio di spingersi oltre le “colonne d’Ercole segnate dai Due Pizzi, 2100 D+ oggi…..e che neve!!!!


Saro Messina

2 risposte a SCIALPINISMO 15 04 2017 INATTESA SORPRESA

  • È stata una piacevole sorpresa trovare la neve così bella.
    Questa è l’avventura, cioè essere predisposti ad accettare tutto da madre natura e dalla montagna nella nostra magnifica esperienza; disposti ad accettare situazioni che vanno da un estremo al suo opposto, dal bianco al nero; dal caldo al freddo; paradisiache o infernali. È solo la montagna decide quando l’una o l’altra situazione, anche se le previsioni diventano sempre più attendibili, mai però sfidare la natura o scommettere con certezza di azzeccare, ma cavalcarla con benevola sottomissione e pronti a tutto.
    Il precedente giovedì 13 la neve era piacevole solo nella parte alta, quindi non ci aspettavamo granché ancora due giorni dopo. Ancora pappa, pensavamo,con il caldo da stare in costume la neve si scioglie sempre di più.
    Invece no, l’Etna a sorpresa ci ha regalato una magnifica gita con neve bellissima fino alla grotta del gelo.
    Nessuno se lo aspettava. E le cose più belle sono quelle inaspettate. Questa è madre natura. E i cavernicoli ci credono cercando di non dimenticare l’istinto naturale, il fiuto come dice il buon Saro o come ci insegna il nostro SuperT che dimostra spesso come resistere al dolore per capire il piacere quando cessa o quando è inaspettato. Ogni appartenente al gruppo sa cos’è lo spirito cavernicoli, anche quando assaggia la tecnologia.
    Buon divertimento e scusate se c è qualche errore.
    Un saluto a tutti i cavernicoli.
    Cairo

Lascia un commento