Attività e Natura allo stato puro
cookie

27 01 2013 picchiata in valle del bove

Disl.vert.: 1110 m.700 I tranche, m.400 II tranche

Versante salita: sud + nord

Discesa: nordest + sud

Tempo previsto: h.4,1/2

Grado difficoltà: OSA

Suona la sveglia, sono le 4 e mezza ed è ora di alzarsi

Il programma è arduo: scendere in valle del bove dal canalone della rina, risalire sulla schiena dell’asino e ridiscendere sulla strada provinciale, breve sosta a casa e subito a seguire gara di arrampicata di Elia, in città. Ce la farò, la neve caduta ieri mi stimola all’inverosimile.

Ci incontriamo a Zafferana con Kapukiumma e Lapunaru e già alle 07,30 siamo in saita sul versante meridionale della Montagnola.

Si perde tempo, Lapunaru ha smarrito il GPS e dopo un bel pò di titubanze, tenta la fortuna e decide di discendere per la via di salita.

Io e KK tolte le pelli, siamo già in discesa lungo il primo tratto del canalone, dove la neve è toccata dal vento ma discretamente buona.

Tutto cambia dopo il primo cambio di pendenza, allorché una splendida coltre soffice ed inviolata ci fa planare a valle al grido di juuu uu.

Soddisfattissimi, decidiamo di risalire per la ripida lavagna della serra quando ci accorgiamo già subito che le pelli non tengono. Neve profonda e leggera, ci affoga le gambe fino al ginocchio ed uno strato sottostante di misto di ghiaccio e roccia ci costringe a montare i ramponi.

Tutto si complica e la salita diventa durissima, anche per via degli sci che dondolando sullo zaino ci sbilanciano continuamente.

I 400 m. che di solito percorro in circa mezz’ora, ora diventano interminabili, nel frattempo mi accordo che sono in Ritardo!!!

Facendo appello a tutte le energie, cercando di restare in corrispondenza delle creste rocciose e non finire al centro dei canali (il rischio è reale), riusciamo a raggiungere il margine in oltre 80 minuti di pura fatica.

Giungiamo alle auto alle 11 e 40, nessuna sosta a casa ed Elia riesce ad iscriversi e fare la gara.

E’ fatta, ora mi posso finalmente concedere un attimo di tregua.

Ho appena finito di raccontare una ordinaria giornata cavernicola.

Saro Messina

2 risposte a 27 01 2013 picchiata in valle del bove

Lascia un commento