Attività e Natura allo stato puro
cookie

Archivi del mese: gennaio 2019

SCIALPINISMO 27 01 2019 ESCAPE TO PARADISE

Malgrado questo titolo, sono sicuro che in questo caso, la parola non riesca a rendere perfettamente l’idea di quello che può succedere ad uno intransigente sciatore che, partendo da una situazione demoralizzante, si trovi all’improvviso in paradiso. 

Si provi ad immaginare le vecchie “sciare” (lave) del versante Nord Ovest del nostro Vulcano, totalmente guarnite da una abbondante ed immacolata coltre di neve farinosa, tali da formare dei morbidi cuscinoni sul quale gli sciatori, diventati ormai bambini, sfogato il loro incontenibile entusiasmo.  

Gita, sicuramente, da annoverare tra le più belle della mia carriera per una molteplicità di fattori, non ultimi: i 22,3 km di sviluppo, i 1600 m di dislivello positivo, la natura incontaminata della zona, un clima perfetto e l’ottima compagnia.

Speriamo….., ad una nuova.

Saro Messina

23 01 2019 SCIALPINISMO BEN RITROVATO SANTUARIO DEI CAVERNICOLI

Come esplicitamente il titolo lascia intendere, per uno come me, cosi devoto a quella parte di Etna chiamata “Canaluni da rina”, il fatto esserci trovati a fine gennaio e non poter essere ancora potuto andare a fare la gita -Clou- del panorama skialp etneo, sarebbe stato inaccettabile.

Qualche giorno fa, Il flusso cambia e sembra provenire dai quadranti meridionali; questo significa speranza che si accende e che, nella realtà, si realizza. 

Ottima gita invernale, con innevamento del canalone oltre le aspettative, ottima qualità di neve e brillante compagnia.

Ben ritrovato Santuario dei Cavernicoli!!!!

Saro Messina

SCIALPINISMO 19 01 2019 TUTTA A NORD

Non si può che iniziare questo post con le seguenti parole: “sia fatta la volontà del Vulcano”, di cui tutti noi siamo ospiti, chissà, quanto più e quanto meno desiderati.

Le bocche sommitali continuano a manifestare un gran subbuglio, e tutti noi oggi ce ne siamo accorti, viste le immense colonne di gas e sabbie vulcaniche espulse verso l’alto.

Osservata la cosa dal punto di vista di noi sciatori, i versanti Est e Nord Est sono persi,  coperti da un abbondante strato di cenere scura, riusciamo a salvare la gita del giorno, orientando le punte dei nostri sci tutta a Nord, dove ancora un’ ottima copertura nevosa assicura splendide curve; la domanda è: Ce la faremo? riusciranno ancora i prodi Cavernicoli a salvare la gita giornaliera?

Solo Sua Maestà potrà darci la risposta e magari decidere di essere, per questa volta, ancora clemente.

Saro Messina


SCIALPINISMO 11 01 2019 LA SCIMMIA BIANCA

Adesso che l’inverno sta affondando i suoi fendenti anche sul nostro territorio e noi Cavernicoli godiamo di una, a detta di molti, sadica sensazione di benessere, la “scimmia bianca” ha ragione di manifestarsi diffusamente su di noi.

Malgrado tutto, la neve non è tanta ed il vento fa il suo sporco lavoro, portandosi via la preziosa risorsa;….ma la “scimmia” pretende ed i versanti nord dell’Etna ci offrono ancora la possibilità di sfogare l’ancestrale istinto di cui siamo felicemente vittime.

Le immagini che seguono sono la migliore testimonianza di tutto ciò.

Saro Messina

class=”aligncenter size-full wp-image-7904″ src=”http://www.etnafuoripista.it/wp-content/uploads/2019/01/DSCN6104.jpeg” alt=”” width=”1024″ height=”768″>

SCIALPINISMO 06 01 2019 THE SOUND OF WINTER

Non mi è ancora noto il potere che l’elemento neve eserciti, quanto più e quanto meno, sugli esseri viventi, però, questo mi serve a capire come mai oggi all’appuntamento per la gita della Befana, erano presenti 13 scialpinisti agguerriti ed armati fino ai denti.
Giornata, senza dubbio, invernale e (per questo giro) adeguata al periodo dell’anno; l’esperienza in questi casi, visto il vento che tira, ci dice che bisogna rimanere bassi e sfruttare la neve custodita dagli alberi nel bosco dove l’atmosfera sarà sicuramente fiabesca.
Esprimo il mio piano: dopo aver provveduto a parcheggiare una macchina a quota 1250, sotto il bosco della Cubania, iniziare la risalita in sci dalla bretella che conduce al Citelli ed attraverso la faggeta sovrastante il Rifugio immetterci nei valloni della colata del 1928 e sperare di poter raggiungere la sella di Serra delle Concazze a quota 2350.
Anche questa volta abbiamo avuto fortuna, il risultato è quello di una gita invernale goduta attraverso vari ambienti, dalla bufera artica, dal transito del bosco incantato alla full-immersion nella powder….., insomma una bella giornata insieme.
Saro Messina

SCIALPINISMO 03 01 2019 BUONGIORNO INVERNO

Comincia a fioccare già appena fuori di casa, bene, penso: era ora!! questa è la conferma che finalmente l’inverno bussa alla nostra porta, mentre Sandrino starà  già scalpitante ad aspettarmi.

Solo in tre abbiamo deciso di affrontare la giornata che i Media definiscono “glaciale”; come se non fossimo il 03 di gennaio, scordandoci che, un tempo, questo sarebbe stato un giorno qualunque di pieno inverno, benvenuto perché la natura ha organizzato i cicli per un preciso disegno, non di certo dannoso.

La giornata è di quelle che, quello che si riesce a fare è tutto di guadagnato, dalla nostra parte: una neve tra le più leggere, vista la temperatura, e la presenza di Sandrino che promette un rientro in grande stile tra le fila dei Cavernicoli.

Belle curve, un ‘atmosfera da Montagna, con la M maiuscola ed un ristoro finale a base di Kairo-prodotti  a km zero. Niente male.

Saro Messina